Italy looks at different approach to BRI

By Francesco Alberti

The signing on March 22 of the Memorandum of Understanding (MoU) for Italy to join the Belt and Road Initiative (BRI) has been surrounded by controversy.

While Italy is not the first EU country to join the BRI, it is the first G7 country and the EU largest economy so far to do so raising concerns among its allies.

The most vocal critics are the Unites States that sees the BRI as a means for China to expand its economic, political and military influence in regions that previously were exclusive domain of the North-American power and the European Union that fears that such bilateral agreements may undermine the unity of the bloc.

Italian politicians have been assuring its allies that Italy is looking at the BRI as a way to gain greater access to the Chinese market and that it does not mean a shift in foreign policy and that it is strongly anchored to the EU-NATO axis.

Few days before the MoU was signed and ever since, Italian Prime Minister Giuseppe Conte stressed that the initiative is a way to improve bilateral economic relationship and help reduce the Italian trade deficit with China that run at €17.6 billion with trade between the two countries worth €44 billion in 2018.

Similar comments were made by Luigi Di Maio, deputy prime minister, minister for economic development and leader of the Five Star Movement, who said that the new Silk Road initiative will not turn into a political alliance and that NATO is Italy’s natural home.

However, the signing may be seen under a different light. Western powers have been wary of the rising economic prowess of China. In recent years, the country’s economic strength has been accompanied by an increasing assertiveness in the international geo-political arena.

China has also been criticized for not being too concerned when it comes to environmental protection, human rights respect, trade practices and for the opacity of many of the agreements related to BRI, especially in South Asia and Africa. China has always rebuffed such criticism.

Anyways, while some of the concerns of the West have a solid basis, others, such as the strong US opposition to the Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB) have proven unfounded.

The issue, however, is not “if” China needs to be contained but “how.”

In my opinion, there are three ways to contain China.

One is to invite it to join multilateral international bodies such as the World Bank, the World Trade Organization, the Asia Development Bank, etc. so that it plays by the same rules as everybody else.

The second is to create a network of bilateral and multilateral trade agreements (such as the now-defunct Trans-Pacific Partnership) among the parties that interact with China. Even though the agreements would not be bounding for China, they would be for the counterparties and this would ensure adherence to stricter rules for all parties dealing with China. It would also make the signatories less dependent on trade with China and strengthen their ties to the US. This effort was wiped out by the short-sighted policies of the United States under President Donald J. Trump who refused to sign the TPP, whose adoption hinged on the US participation. Also, the US withdrawal from the Paris climate accord handed China the leadership in environmental protection on a silver plate, and the opportunity to steer policies in a way that would benefit China.

The third is to join China-sponsored projects, such as the BRI and the AIIB, and try to put in place a check-and-balance mechanism from within. Italy, as a G7 member, has involuntary found itself at the forefront of this effort having also joined the AIIB as a founding member when the multilateral lending institution was launched in June 2016.

As I said in a recent editorial I co-wrote for the Global Timesin occasion of President Xi state visit to Italy, BRI is not necessarily bad. It is a massive investment in infrastructures that with the due safeguards in place can give a sizable contribution to the world’s economic growth. The involvement of AIIB to finance projects is the key. AIIB’s governance and lending practices have been recognized to be compliant with international best practices that satisfy EU requirements, such as competitive tender, environmental-impact studies and sustainable infrastructure projects.

While I am not fully convinced that there was a well-thought containment strategy behind the MoU, but rather the fear of missing the BRI train, it does not mean Italy cannot seize the chance and take the lead in the effort to make China play on a level field with the rest of the world.

Italy should spearhead a coordinated effort by the EU as a bloc to sign a framework agreement with China. This would allow the EU to create a master-plan for all EU members to follow on specific BRI-related projects reducing the possibilities of bilateral deals that may weaken the unity of the EU.

The words of Prime Minister Conte at the Second Belt and Road Initiative Forum, held in Beijing April 25-27, seem to point in the right direction. He said that in order to maximize benefits for all countries involved, it is necessary for the BRI to exist in a framework of shared principles, rules and criteria that define the scope of action. Conte added that for Italy this framework is clearly stated in the Euro-Asian connectivity strategy, which remains the country’s reference policy paper for Asia.

Annunci

Turchia come ago della bilancia nel futuro della Siria

Di Valeria Giannotta

È un periodo di traffico diplomatico per i principali attori politici coinvolti nel conflitto siriano. Dopo l’annuncio del presidente Donald Trump del ritiro delle truppe americane, si è creata una nuova incertezza, quella relativa al riempimento del vacuum territoriale e del nuovo equilibrio di potenza. Le truppe di terra americane sono in Siria sin dall’autunno 2015, a seguito della decisione dell’amministrazione Obama di inviare delle forze speciali per addestrare i combattenti curdi locali contro Daesh. Nel tempo i soldati sono aumentati e con essi il numero delle basi militari nel nord est del Paese. Sebbene nel corso del conflitto Ankara abbia esortato più volte Washington a consegnare le proprie basi e a cessare di armare le milizie curde del YPG (Unità di protezione del popolo curdo), nessuna mossa concreta è stata intrapresa. Anzi, mentre le ambizioni curde pongono profondi grattacapi ai funzionari turchi, Gran Bretagna e Francia hanno intensificato l’impegno con le forze YPG nella lotta contro il Califatto.

Come riflesso delle ultime dinamiche interne alla Siria e degli eventuali scenari postbellici, i maggiori players hanno avviato nuove negoziazioni sul piano bilaterale a garanzia dei rispettivi interessi. Le potenze militari in campo – dagli Stati Uniti alla Turchia e dalla Russia al regime di Assad- stanno lottando per obiettivi politici diversi. In questo mosaico è soprattutto la Turchia ad essere impegnata nel bilanciare la propria posizione sia come alleato degli Stati Uniti che come membro promotore del gruppo di Astana insieme a Russia e Iran, che come stato direttamente esposto alle minacce provenienti oltre confine.

Da quando il regime di Assad è riuscito a riconquistare gran parte dei territori con l’aiuto di Iran e Russia, la Siria settentrionale è diventata uno dei campi di battaglia più pericolosi dove gli schieramenti stanno diventando più netti. Dalla provincia di Idlib ai cantoni controllati dalle milizie curde del YPG, diversi gruppi armati stanno ancora combattendo l’un l’altro per rivendicare il controllo del territorio. Nelle ultime settimane da più parti è stata avvallata l’ipotesi di una buffer zoneper contenere l’espandersi delle minacce e salvaguardare la lunga linea di confine con la Turchia. Anche sulla scia del recente attacco terroristico a firma Daesh, che ha coinvolto alcuni soldati americani a Manbij, città controllata dall’YPG a ovest del fiume Eufrate, area in cui Stati Uniti, Russia, regime di Assad e Turchia vantano la propria presenza militare in diverse località, la creazione di un’eventuale zona di sicurezza assume un’importanza strategica cruciale per tutti gli attori politici. Data la porosità del confine, la maggiore preoccupazione di Ankara è rappresentata dalla presenza in diverse parti della Siria settentrionale delle forze curde dello YPG, considerata come la costola siriana del PKK (Partito dei lavoratori del Kurdistan), a sua volta riconosciuto anche da Washington e parte della comunità internazionale come organizzazione terroristica. Da parte loro, invece, gli Stati Uniti, hanno scommesso da tempo sullo YPG nella lotta contro Daesh e nel contenimento delle milizie iraniane.

Map del conflitto siriano

Per accedere ad una mappa interattiva del conflitto siriano con aggiornamenti costanti cliccate qui

Dopo sempre più assidui braccio di ferro riguardo il sostegno accordato ai gruppi armati curdi, avallata di recente da un controverso commento di John Bolton, consigliere americano per la sicurezza nazionale, a cui è seguito un duro tweet di Donald Trump, che minacciava di colpire economicamente la Turchia in caso di mancata protezione dei curdi, Washington ed Ankara si sono trovati concordi sulla creazione di una safe zone profonda 30 km al confine tra Turchia e Siria.  Ciò nonostante, Ankara non è persuasa dalla strategia statunitense che legittimerebbe la presenza del YPG, ponendo una minaccia diretta all’integrità territoriale della Turchia. Per il presidente Erdoğan la condizione sine qua nonper la messa in sicurezza dei confini è il pieno controllo da parte turca dell’area occupata dai curdi sulla scia di quanto già compiuto nella zona tra Jarablus ad Al Bab, dove nel 2016 con il lancio della missione Scudo Eufrate a sostegno dell’Esercito Libero Siriano (FSA) la Turchia è riuscita ad ottenere il controllo. Nella stessa logica rientra l’operazione Ramo d’ulivo lanciata ad Afrin nel 2018 e la più recente messa in opera – insieme a russi e iraniani-  di una de-escalation zonenella provincia di Idlib.

A onore del vero, già nel 2012 Erdoğan aveva suggerito la creazione di una zona sicura di 30-40 km tra le città siriane del nord di Jarablus e al-Rai, ma il piano non si è mai concretizzato.  Oggi l’urgenza sarebbe la completa pulizia dell’area dai gruppi terroristici sotto l’egida della Turchia senza l’interferenza degli Stati Uniti. Con il partner oltreoceano, infatti, permangono serie discrepanze per quanto concerne la zona di Manbij, cittadina siriana a circa 100 km da Afrin dove stazionano truppe americane, obiettivo di Ankara nella sua lotta contro i curdi del PYG. Le richieste della Turchia agli Stati Uniti sono chiare: in primo luogo, il ritiro immediato dei militanti curdi da Manbij ad est dell’Eufrate, condizione imprescindibile per Ankara affinché si possano poi intraprendere passi concreti con gli Stati Uniti, a cui è stato più volte chiesto di cessare ogni cooperazione militare e politica con il PYG. Malgrado un anno fa si sia trovato l’accordo per una roadmapdi uscita, ad oggi la situazione rimane sostanzialmente invariata e la Turchia insiste sull’implementazione dell’accordo anche alla luce di un suo nuovo prossimo intervento transfrontaliero. Ciò presupporrebbe la consegna di alcune basi militari americane alle forze turche e la ritirata dello YPG delle zone che attualmente controllano.

In realtà, se da una parte l’attuale campagna americana protegge lo YPG, prevenendo il suo sradicamento, dall’altra mira a proteggere gli interessi di Israele nei confronti dell’Iran. Allo stesso tempo Israele difende l’idea di un’area curda indipendente non solo per contrastare definitivamente Daesh, ma soprattutto per contenere l’influenza iraniana in Siria.

Appare chiaro che la creazione di zone sicure e stabili per una Siria indipendente e unificata è un obiettivo strategico condiviso, anche se le modalità per contenere la minaccia jihadista e difendere i rispettivi interessi ad oggi rimangono divergenti. In tale scacchiere rientrano gioco-forza gli intensi colloqui tra Turchia e Russia, il cui consenso è inevitabile per i piani di Ankara. In passato la Turchia ha potuto organizzare due principali operazioni antiterrorismo in Siria per eliminare la presenza di Daesh e YPG lungo i suoi confini proprio grazie all’assenso della Russia che ha permesso anche di stabilire punti di osservazione a Idlib. Come co-fondatori del processo di Astana e intermediari di un accordo bilaterale chiave su Idlib, Erdoğan e Putin sono sempre stati molto cauti a non interferire negli interessi reciproci, anzi hanno cooperato per ridurre la violenza in tutto il paese e per trovare una soluzione politica in conformità con le pertinenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza ONU. Insomma, in una logica di potenza discende che qualsiasi azione turca in Siria deve ricevere il beneplacito russo.  Tuttavia, nonostante abbia svolto un ruolo chiave nella creazione di zone di de-escalationa Idlib, Mosca non prevede alcuna zona sicura nei territori controllati dallo YPG. Invece, caldeggia fortemente il pieno controllo del regime di Assad sulla Siria e il trasferimento dei territori curdi sotto il controllo del governo siriano. In altre parole, con l’obiettivo strategico di ripristinare lo status quo ante bellum, la Russia si ergerebbe a mediatore tra il regime di Assad e il YPG. Sottolineando la validità dell’accordo di Adana che nel 1998 non solo ha garantito la resa alla Turchia del leader del PKK Abdullah Öcalan, ma ha soprattutto vietato la presenza del PKK e dei suoi affiliati sul territorio siriano, il Cremlino ha ventilato ai turchi la garanzia dei propri confini nella lotta al terrorismo con l’obiettivo di incoraggiarli a collaborare con il regime siriano. In effetti, il Protocollo di Adana era stato uno strumento importante nel rinsaldare l’amicizia tra Turchia e Siria all’inizio degli anni 2000 e a rafforzare i rapporti tra i due Paesi al punto da considerarsi ‘partner privilegiati’. Dopo che la crisi degli anni ‘90 aveva portato i due paesi sull’orlo della guerra, anche grazie a questo protocollo, i rapporti con Damasco sono migliorati al punto di essere un esempio di confidence-building. Con l’inizio della guerra civile siriana nel 2011 e il congelamento delle relazioni diplomatiche con il regime di Assad l’accordo è stato sospeso. Riattivare questo meccanismo costituirebbe una nuova base per futuri colloqui diplomatici, specialmente in vista del prossimo summit trilaterale che prevede anche la partecipazione dell’Iran. E non è un caso che nei giorni scorsi il regime di Damasco abbia affermato che sin dal 2011 la Turchia ha violato il patto, sostenendo il ‘terrorismo’ contro la Repubblica araba siriana e occupando parte del suo territorio.

Per quanto Putin non abbia mai espresso un’aperta contrarietà alla creazione di una zona di sicurezza all’interno della Siria, una nuova campagna turca potrebbe comunque stridere con l’intento russo di condurre i curdi siriani sotto il controllo di Damasco, tanto più che anche la Francia avrebbe esercitato con un certo successo pressioni su Mosca per proteggere i curdi.  In quella che sembra una meticolosa strategia della pazienza, la Russia calibrerà le proprie mosse in base a come Turchia e Stati Uniti saranno in grado di affrontare così tante questioni in sospeso.  Davanti a negoziati complicati, però, il presidente turco sembra non voler transigere oltre: sempre più frequenti sono le dichiarazioni contro l’America, che enfatizzano una nuova imminente operazione militare a est dell’Eufrate, strumentale anche a rafforzare la propria base elettorale in vista delle elezioni amministrative del prossimo 31 marzo.

IL CONFINE MARITTIMO ISRAELO-LIBANESE NEL QUADRO DELLE RISORSE ENERGETICHE DEL MEDITERRANEO ORIENTALE

Fonte di nuove tensioni o di nuove opportunità? Occasioni mancate e possibili sviluppi

Paolo Sandalli foto

Di Paolo Sandalli

Ammiraglio di Squadra (in ausiliaria) della Marina Militare Italiana e già Comandante dal 27 Novembre 2009 al 2 Settembte 2010 della Forza Marittima delle Nazioni Unite in Libano (Unifil Maritime Task Force)

Quando il premier libanese Fouad Siniora, chiese il 6 settembre 2006 al Segretario Generale delle N.U. Kofi Annan che la risoluzione n. 1701, intesa a stabilizzare la situazione al termine di quella che viene chiamata Seconda Guerra Israelo-Libanese, fosse irrobustita con la previsione di una componente marittima internazionale che, susseguentemente al rilascio del blocco navale israeliano posto per 58 giorni ai porti libanesi, presidiasse gli spazi e gli accessi marittimi del paese e preparasse al contempo la sua Marina a svolgere in autonomia tale compito, prese una decisione di portata storica e di altissima lungimiranza che pochi colsero a quel tempo e che avrebbe potuto portare a risultati anche superiori se le intrinseche capacità politico-diplomatiche delle forze navali fossero state sfruttate meglio e molte buone occasioni non fossero andate perse.

Continua a leggere IL CONFINE MARITTIMO ISRAELO-LIBANESE NEL QUADRO DELLE RISORSE ENERGETICHE DEL MEDITERRANEO ORIENTALE

The irresistible temptation of Mr Trump for a New War in the Middle East

By Leonardo Manzari

ERDOGAN

The continuous provocations of Mr Trump towards China, Iran and lately Turkey, are too much focused and punctual to be just the sign of an irresponsible behaviour of the “bad boy” of the White House.

Not by case, the US President is trying, on the other hand, to keep a sustainable relation with Russia (most probably successfully, assumed the “ideological” opposition of US public opinion towards it), notwithstanding the investigations about the role of the Russian intelligence’s actions during the elections of 2016.

In fact Russia is not a threat from the industrial point of view for the US, and trade sanctions against Russia appear to most Europeans, like just a NATO tool to keep the temptation of closer and closer economic co-operation, as distant as possible.

Continua a leggere The irresistible temptation of Mr Trump for a New War in the Middle East

How Japan promotes its competitive system in the areas of higher economic potential by Luca Ebreo, member of EIEAD’s Scientific Committee

“we hereby report the speech by Dr Luca Ebreo,  member of EIEAD’s Scientific Committee, during the Forum EIEAD on June 23rd, in SEAFUTURE 2018 La Spezia, on board the Italian Tallship Amerigo Vespucci”

Part 2

Japan’s Silk Road Diplomacy

With tfotoLucahe collapse of the Soviet Union in the 1991 Central Asian nations and Japan, established diplomatic relations and partnership began to increase steadily as manifested by the level of official contacts. In 1997, the “Silk Road” Diplomacy concept was formulated for Japan’s policy toward Central Asia.

In the beginning of 21st century, we see activation of new actors including India, Korea and Japan in Central Asia, which were mainly welcomed in the region. Tokyo recognized the growing strategic importance of Central Asia in the context of international security and sought to play a more active role as an Asian nation in Eurasia.

During two decades Central Asian nations and Japan, partnership began to increase steadily. Japan is one of the largest assistants to Central Asia in structural reforms and Japanese investments to the different aspects of region economy and transport communication add up to several billions.

There are several areas of special interest to Japan in its relations with Central Asia, including cooperation in education, economic development of the region, political reforms, as well as energy resources. Japan’s effort in creating the “Central Asia plus Japan” dialog is part of its multilateral diplomacy.

Continua a leggere How Japan promotes its competitive system in the areas of higher economic potential by Luca Ebreo, member of EIEAD’s Scientific Committee

How Japan promotes its competitive system in the areas of higher economic potential by Luca Ebreo, member of EIEAD’s Scientific Committee.

“we hereby report the speech by Dr Luca Ebreo, member of EIEAD’s Scientific Committee, during the Forum EIEAD on June 23rd, in SEAFUTURE 2018 La Spezia, on board the Italian Tallship Amerigo Vespucci”

Part 1

fotoLucaIntroduction

Japan has few natural resources and depends on massive imports of raw materials. It must export to pay for its imports, and manufacturing and the sales of its services, such as banking and finance, were its principal means of doing so.

The successful model of Japan in promoting its competitive system in the areas of higher economic potential is due to three main components: government’s administrative guidance, trading companies, and official development aid.

The export of infrastructure systems as Japan’s foreign economic policy is unique in terms of diplomatic goals and means. We will discuss about Japan’s Silk Road Diplomacy focussing on Central Asia policy application.

Continua a leggere How Japan promotes its competitive system in the areas of higher economic potential by Luca Ebreo, member of EIEAD’s Scientific Committee.